HPE Blog, Italy
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Come massimizzare il ROI - Suggerimenti da Discover 2015

MassimilianoG

Dall’articolo Ways to Maximize Your ROI at Discover 2015 London di Jeff James ( @jeffjames3) and Carl Furry (@carlfurry)

 

Le aziende spendono in media il 13% del loro budget IT in servizi esterni, come assistenza tecnica, consulenza e assistenza operazionale del datacenter; se a queste aggiungiamo anche upgrade, implementazioni e trasformazioni aziendali le spese sono ancora più alte. Inoltre, i professionisti che si occupano di servizi e di assistenza tendono a rappresentare la voce più corposa per quanto riguarda i fornitori di tecnologia. Ecco perché il servizio offerto può essere considerato il vero volto delle aziende che forniscono le soluzioni IT.

A Londra, durante Discover 2015, i gestori della Technology Services di Hewlett Packard Enterprise hanno proposto molte soluzioni interessanti che possono tornare davvero utili per il 2016 della vostra azienda.

Chiunque sia alla ricerca di un utilizzo più strategico dei fondi destinati ai servizi, ottimizzando il ritorno sugli investimenti, deve guardare questi estratti di HPE Discover realizzati anche in collaborazione con theCUBE by SilconANGLE TV.

 

Rick Einhorn, Vice President, Worldwide, Data Center Consulting

Sono tante le aspettative da parte dei dipartimenti IT; queste includono la gestione di un ambiente IT dinamico, la sicurezza e la disponibilità delle applicazioni e la possibilità di allargare l’offerta di servizi, anche attraverso la mobility. Quando le richieste diventano troppo difficili da gestire da parte del vostro team IT bisogna chiamare aiuto. Hewlett Packard Enterprise Technology Consulting è la miglior scelta per aiutare le aziende a gestire i cambiamenti e affrontare le nuove sfide.

[video]

 

Rafael Brugnini, SVP and GM, Hewlett Packard Enterprise Technology Services Consulting

Quando si tenta di passare da ambienti IT con infrastrutture in silos a infrastrutture moderne di tipo ibrido le cose possono complicarsi terribilmente. Gli ingredienti fondamentali per una trasformazione digitale fatta come si deve sono: obiettivi chiari, casi di utilizzo definiti, piani di azione d’architettura, un percorso provato per integrare i nuovi servizi cloud alle infrastrutture già in uso e molta formazione.  

I servizi tecnologici di HPE si trovano perfettamente in mezzo a tutto questo. A Londra, durante Discover 2015, Rafael Brugnini ci ha spiegato come, grazie al suo team, i clienti HPE, sia essi PMI o grandi imprese, siano riusciti a trasformare data center costosi e inefficienti in ambienti flessibili costruiti apposta per risolvere le richieste aziendali, in continua evoluzione.  

La visione di Brugnini dell’HPE Technology Services Consulting è radicata nelle ormai collaudate best practice, determinate dall’impegno dei clienti. Come dice Brugnini, “non esistono aziende con lo stesso percorso e quindi tutte hanno delle esigenze diverse. Ma applicando metodologie che ci permettono di consigliare, trasformare e integrare, riusciamo ad arrivare a ciò per cui stanno i clienti stanno mirando.”  

[video]

 

Scott Weller, SVP and GM, Hewlett Packard Enterprise Technology Services Support

L’ultima volta che Scott Weller ha parlato a theCUBE, durante Discover 2014 Las Vegas, ha fatto capire come le imprese che si muovono velocemente vogliano armonizzare l’esperienza tramite piattaforme e servizi cloud. “Non si può fare affidamento all’IT tradizionale, nel lungo periodo” questo diceva Weller l’anno scorso. “È necessario che le aziende siano costantemente in movimento per garantire un business agile, in grado di rispondere alle innovazioni del mercato.”

Durante Discover 2015 Londra, Weller ha approfondito questo pensiero. “I CIO devono bilanciare il ritmo veloce del cambiamento aziendale con la necessità di fornire una struttura IT sicura e stabile, in grado di fornire servizi IT affidabili.” L’IT si trova ad affrontare grandi aspettative in aree come time-to-market e esperienza cliente; questo perché gli utenti le unità di business non possono più tollerare ritardi, strettoie o scuse.

In questa intervista Weller descrive come lo Hewlett Packard Enterprise Technology Services Support stia giocando un ruolo cruciale per quei clienti che mirano ad evolversi rapidamente.

 

Seamus Dunne, VP, Hewlett Packard Enterprise Technology Services Support, Datacenter Services

Durante Discover 2014, Seamus Dunne ha illustrato il successo dell’offerta Datacenter Care. Il segreto, secondo Dunne, stava nell’”aiutare a utilizzare meglio ciò che si ha a disposizione,” aiutando le aziende ad adottare “il nuovo stile di IT desiderato, qualunque sia il livello.” Questa, aveva osservato Dunne, non è una cosa da poco se consideriamo le aspettative in termini di conformità, latenza, sicurezza e performance del datacenter definite dal public cloud.

Quest’anno Dunne ha esaminato l’evoluzione del Datacenter Care nel raggiungimento di queste aspettative. Oggi dice Dunne “Le aziende hanno bisogno di evolversi alla stessa velocità del mercato e si aspettano lo stesso tipo di evoluzione dal loro datacenter. Questo richiede un IT agile e affidabile.”

Per esempio, cosa ne pensate di personalizzare l’assistenza hardware e software per ogni dispositivo, anche in ambienti multi-fornitore? O di costruire una soluzione per l’assistenza che parte da una vasta architettura ed è in grado di offrire servizi dove e quando servono?  

Massimiliano Galeazzi
0 Kudos
Informazioni sull'autore

MassimilianoG

Marketing