IT e Trasformazione Digitale
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Meno di un anno alla fine supporto di Windows Server 2008 & 2008 R2

MassimilianoG

2019-01-14 Windows Server 2008 End of Support.jpgLo sapevate che Windows Server 2008/2008 R2 è una delle offerte server più popolari di Microsoft? Sono circa 20 milioni i server che eseguono questo sistema operativo 1 e di sicuro tra questi ci sono anche dei tuoi clienti. Ma questo sistema operativo era stato progettato in un’altra “era”, quando cloud computing e sicurezza cibernetica non erano così importanti come lo sono oggi.

 

Fine supporto Windows Server 2008: I fatti

Dopo il 14 gennaio 2020 sarà veramente un bel problema gestire l’azienda con un sistema operativo così vecchio. Molte organizzazioni potrebbero essere tentate ad aspettare fino all’ultimo secondo del supporto per cambiare sistema, ma in realtà ci sono diversi motivi per cui vale la pena convincerle a farlo il più presto possibile. Nei prossimi tre video Kyle Todd, Microsoft Category Leader per Hewlett Packard Enterprise, tornerà a esaminare alcune delle ragioni per cui conviene passare a una nuova generazione di Windows Server su HPE Gen10 il più presto possibile.

 

#1 Rischio di attacchi cibernetici

Probabilmente, hai già sentito diverse volte parlare a riguardo degli spaventosi crimini informatici. Le versioni di Windows Server attualmente sul mercato contengono degli strumenti di protezione che non erano disponibili con Windows Server 2008. Credential Guard, per esempio, può proteggerti dagli hacker che vogliono rubare le password per accedere a un data center, mentre Device Guard aiuta a bloccare il caricamento dei malware, che possono causare danni, da parte dei criminali informatici. E, se qualcuno dovesse malauguratamente entrare nel tuo sistema, ora è più veloce rilevare le intrusioni e capire come sono successe in modo da evitarle in futuro. Tutte queste funzionalità di sicurezza non esistevano con Windows Server 2008.

E i miglioramenti che riguardano la sicurezza non si fermano col sistema operativo. I server Gen10 di Hewlett Packard Enterprise offrono protezione avanzata con HPE Silicon Root of Trust. Inoltre, HPE è l’unico fornitore di server a rispettare le più severe linee guida sulla crittografia, dettate sia dal mercato che dal governo federale statunitense. Questo livello di protezione non esisteva nemmeno nei server di vecchia generazione. Quindi, se stai eseguendo Windows Server 2008, stai eseguendo un sistema con molta protezione in meno rispetto a quella necessaria oggi.  

 

#2 Risparmio



L’efficienza dell’IT, o il risparmio sui costi, è un altro dei grandi vantaggi della migrazione a una nuova versione di Windows Server su server HPE Gen10. La tecnologia dei container che troviamo in Windows Server 2016 offre diversi vantaggi, ma il più facile da misurare è probabilmente il risparmio per quanto riguarda i costi. Lo sapevi che i contenitori richiedono molte meno risorse rispetto alle macchine virtuali? Di conseguenza, i clienti possono eseguire molte più applicazioni su un server con contenitori, a differenza di quelli con macchine virtuali. Per i clienti che eseguono ancora Windows Server 2008 le uniche opzioni possibili sono le macchine virtuali, ma quando eseguono l’aggiornamento a un sistema operativo più recente, possono eseguire più carichi di lavoro, più velocemente e su meno server, riducendo i costi delle infrastrutture.

Dal lato hardware, esistono diverse nuove funzioni che contribuiscono anche a ridurre il costo dell’infrastruttura come Core Boosting, Jitter Smoothing e Workload Matching.

  • Core Boosting: massimizza le prestazioni di tutti i core dei processori2. Minori costi di licenza basati sul core, con minori requisiti sui core stessi.
  • Jitter Smoothing: minore latenza massimizzando le prestazioni, sfruttando la modalità Intel Turbo Boost. Si sintonizza dinamicamente per massimizzare le prestazioni dei carichi di lavoro.
  • Workload Matching: ottimizza rapidamente le impostazioni del BIOS tramite diversi profili server preconfigurati, che corrispondono al carico di lavoro, e ottimizzano le prestazioni RAS.

 

#3 Una delle alternative cloud  

 

Non so se lo sai, ma Microsoft ha annunciato un supporto speciale per i clienti con Windows Server 2008/2008 R2 che vogliono migrare le loro vecchie applicazioni direttamente sul cloud pubblico; forse alcuni tuoi clienti pensano, per questo, che valga quindi la pena aspettare la scadenza del supporto. Ma, uno studio di IDC può farli riflettere due volte, perché secondo IDC, l’85% dei clienti Public Cloud dovrebbe spostare le applicazioni fuori dal cloud pubblico durante il 20193. Per un motivo o per un altro, che si tratti di prestazioni, di sicurezza dei dati o di costi, non tutte le applicazioni appartengono al cloud. Per questo è importante sapere se i clienti che vogliono portare le applicazioni nel Public Cloud possono poi tornare indietro.  


Dopo la data di fine supporto, se i tuoi clienti hanno spostato un’applicazione obsoleta su un sistema operativo fuori supporto per utilizzarla nel cloud su macchine virtuali e poi vogliono tornare indietro nella loro decisione, allora potrebbero ritrovarsi con le spalle al muro. Per questo pensiamo che la soluzione migliore sia quella di modernizzare l’ambiente con l’ultima versione di Windows Server disponibile in modo da avere più flessibilità per eseguire le applicazioni.

Contatta i tuoi clienti che stanno eseguendo ancora Windows Server 2008 o Windows Server 2008 R2 e inizia ad aiutarli a pianificare l’aggiornamento a un Windows Server di nuova generazione. Rottamare Windows Server 2008 è una grande opportunità per approfittare dei vantaggi delle innovazioni che hanno avuto luogo negli ultimi 10 anni. Un anno può sembrare molto tempo, ma se consideriamo tutto ciò che c’è da fare, in realtà manca poco. Quindi non è più il caso di rinviare, ma di programmare con i tuoi clienti.

 

 


Hai domande sui prodotti e le soluzioni HPE OEM Microsoft, su Windows Server 2016 o sui server HPE? Entra nella community di Coffee Coaching per tenerti sempre aggiornato sulle ultime novità HPE OEM Microsoft e interagire con gli esperti HPE e Microsoft.

Seguici su Twitter | Unisciti al gruppo LinkedIn Clicca Mi Piace su Facebook | Guardaci su YouTubeMandaci una mail 

 

 

  1. Fonte: CMR: MTS H1 2018, 01/2018
  2. Core Boosting richiede l’utilizzo esclusivo dei processori scalabili Intel Xeon, Gold 6143 o Platinum 8165, esclusivi per HPE.
  3. IDC, Cloud Repatriation Accelerates in a MultiCloud World, doc #US44185818, agosto 2018

 

Massimiliano Galeazzi
0 Kudos
Informazioni sull'autore

MassimilianoG

Marketing

Eventi
Read for dates
HPE Webinars - 2019
Find out about this year's live broadcasts and on-demand webinars.
Maggiori informazioni
Read for dates
HPE at 2019 Technology Events
Learn about the technology events where Hewlett Packard Enterprise will have a presence in 2019.
Maggiori informazioni
Visualizza tutto
Novità
Inviato a (not sure about this translation, which is the context?):
Autore originale:
Inviato a (not sure about this translation, which is the context?):
Autore originale:
Inviato a (not sure about this translation, which is the context?):
Autore originale:
Visualizza tutto